Acquafondata

 

Provincia di Frosinone, abitanti 380, superficie Kmq 25,25, altitudine m.926

HOME

Acquafondata

 

Le tradizioni

 

Nel dopoguerra, dopo la ricostruzione, riprese il fenomeno migratorio ma il sorgere della zona industriale di Cassino e la migliorata rete viaria, consentirono a molti abitanti del paese di trasformarsi in lavoratori pendolari.

Il folclore acquafondataro annovera due interessanti manifestazioni: la sagra degli gnocchi in agosto ed il festival della zampogna in gennaio. Quest’ultima si celebra da una trentina di anni e, da manifestazione locale, si è via via allargata ad una più vasta dimensione: ormai giungono suonatori di zampogna da ogni dove. La festa si tiene ad Acquafondata perché è un po’ l’epicentro della musica zampognara dell’Italia centrale e meridionale. Da questo luogo e da altri paesi vicini partono molti degli zampognari che girano per le strade delle città italiane.

Il festival comincia di prima mattina con la sfilata dei suonatori, tutti in abito da pastore (giubbetti di pelle di agnello, cappello a cupolone, “ciocie” allacciate alle gambe con le stringhe di cuoio e zampogna a tracolla con l’otre ben gonfio). Poi segue una gara che comprende motivi natalizi e composizioni libere di ogni tipo, tutte suonate con questo antichissimo strumento. La gara si svolge con composizioni eseguite da coppie e da singoli suonatori.

L’effetto del festival si ripercuote positivamente, oltre che sull’economia turistica, anche su quella legata all’artigianato di strumenti musicali che è tornato ad avere una buona produzione di zampogne e pifferi da accompagnamento.

 

 

 

 

 

Sito ottimizzato per IE 4.X o sup. a 800X600 px o sup.
© 2004 arcenews.it